News ed Eventi

10 Novembre 2012

Merano WineFestival

26 Agosto 2012

"Ciavuro" di Capofaro.

24 Luglio 2012

Viaggio tra Terra e Mare

Marzo 2012

VINITALY 2012

4 Marzo 2012

PROWEIN 2012

 
 
Ago 2012

“GHIAIA NERA”, il nuovo Nerello Mascalese del vulcano

“GHIAIA NERA”, il nuovo Nerello Mascalese del vulcano

Nerello Mascalese, vendemmia 2010.

Dal vitigno principe della viticoltura etnea e da criteri produttivi sostenibili, nasce il secondogenito della Tenuta Tascante.

  

Dalla Sicilia orientale, dal versante di Nord-Est dell’Etna, arriva l’ultima etichettaTasca d’Almerita. Si chiama “Ghiaia Nera”, come i sedimenti vulcanici che compongono i terrazzamenti su cui giacciono i vigneti della Tenuta Tascante, ed è frutto della vigna nuova in Contrada Sciaranova e di una selezione delle migliori uveNerello Mascalesecoltivate, sempre a Randazzo, da vignerons di provata fiducia nella contrada limitrofa di Allegracore.

Sotto l’influsso di condizioni pedoclimatiche uniche, altitudini fuori dagli standard regionali, suoli vulcanici e intatta biodiversità a fare da contorno ai vigneti, il progettoTenuta Tascanteè giunto alla sua terza vendemmia e con questo secondo vino conquista ulteriore ampiezza espressiva. La vendemmiaè quella del 2010: un’annata che già nelle previsioni vendemmiali prometteva buona freschezza oltre che intensità del frutto ed eleganza.  

Un vino nuovo anche nella concezione, che acquista la sua cifra significativa non solo dalla selezione di uve dal grande potenziale organolettico, ma anche dalprogetto agronomico dei nuovi impiantida cui prende vita, fortemente condizionato da principi di eco-sostenibilità legati al programma di riduzione dell’impatto delle attività produttive sulle risorse ambientali denominatoSOStain. Ghiaia Nera, infatti, è in buona parte espressione del Nerello Mascalese della vigna nuovapensata e messa a dimora da Tasca d’Almeritanella Tenuta di Sciaranova. Mentre i vigneti del fratello maggiore Tascante hanno un’epoca d’impianto individuabile intorno agli anni ‘60, Ghiaia Nera proviene dai filari impiantati sulle terrazze di muretti a seccotra il 2007 ed il 2008. 

Con poco più di 25.000 bottigliequesto Nerello Mascalese non tradisce le particolari connotazioni organolettiche di questo vitigno: scarsi antociani, decisa freschezza e buona tannicità lo rendono anche adatto a periodi di invecchiamento che possono esaltare l’eleganza di profumi e l’armonicità del vino.

In particolare, questo vino – grazie anche allebotti grandi di rovere da 30 Hlin cui riposa per18 mesiche mantengono ed elevano i caratteri tipici di questo vitigno – rivela spiccati sentori floreali e tipicamente di glicine, di frutti rossi di bosco di buona persistenza anche in bocca, forte personalità e  tannini evidenti che lasciano un buon palato.  

 

Allegati