25 Nov 2013

Una “O” di olio. L’ulivo, la vocazione dei frutti

Una “O” di olio. L’ulivo, la vocazione dei frutti

La storia dell'olio: "L’ulivo, la vocazione dei frutti e la qualità del prodotto" è il seminario "Una “O” di olio" promosso da Porthos mercoledì, 20 e 27 novembre, alle 20 a Roma. Condotto da Leonardo Seghetti, agronomo e docente all’Università di Teramo i partecipanti scopriranno le radici dell’ulivo fino all’imbottigliamento dell’olio. Parte fondamentale delle due lezioni è la degustazione. Lungi dall’ambizione di formare degli esperti, il seminario si propone di avviare gli alunni in un cammino di conoscenza e consapevolezza, in linea con i principi di qualità e indipendenza. La degustazione prevede 6 oli, serviti nei bicchieri ufficiali per gli assaggi professionali.
Nella Tenuta Regaleali  trenta ettari di oliveti, impiantati nel corso dei secoli, producono olio extravergine, frutto dell’unione di sette varietà diverse a base prevalente di biancolilla. Le olive vengono raccolte a mano tra novembre e dicembre, lavorate a freddo.  L’olio non viene filtrato ma decantato naturalmente.