Tenuta Capofaro   capofaro.it

Nata dalla volontà di creare un vino dolce fuori dagli schemi e dagli standard che il disciplinare imponeva, con caratteristiche di freschezza, acidità, eleganza, l'azienda acquisisce nel 2002 dei 6 ettari di vigneti di Malvasia delle Lipari nell'isola di Salina. Esposta ai venti del nord su terreni di natura vulcanica, la Tenuta Capofaro è diventata in poco tempo rappresentativa della viticoltura delle piccole isole, inserita in un contesto di resort a 5 stelle. L'isola, riserva naturale dal 1981 ed oggi patrimonio dell'UNESCO, è rimasta nel tempo fedele alla locale e tradizionale architettura. Le case sono dipinte di bianco, talvolta ornate di pesca e blu, i tetti sono piatti con portico o veranda, spessi pilastri supportano le volte lignee; buganvillee crescono selvagge in cima. Qui noi abbiamo voluto dare la nostra interpretazione della Malvasia.
I vigneti sono come dei corridoi che dalla montagna conducono dritto a mare. Oltre soltanto l'orizzonte, e davanti la magia di Stromboli e Panarea. In vigna stiamo molto attenti anche allo spettro fogliare cercando di avere abbondante vegetazione a copertura dei grappoli, in modo da garantirci il più possibile l'aromaticità. Più il grappolo sta al fresco, o meglio all'ombra, più si preservano gli aromi varietali contenuti fondamentalmente nella buccia evitandole  scottature ed evitando  anche una caramellizzazione degli zuccheri. La stessa cosa, dopo una lunga partita contro vento e caldo, cerchiamo di ottenerla durante 'appassimento. Non forziamo la natura, ma cerchiamo di imitarla, garantendo alle uve un riciclo costante di aria all'interno di un grande magazzino, dove, l'uva lentamente si disidrata e gli zuccheri si concentrano.
5 ettari vitati
20 metri sul livello del mare
 
 
Tenuta Capofaro

Degustare

Aperto anche alla clientela esterna, il Ristorante di Capofaro Malvasia & Resort vale bene una visita all'isola di salina. La cucina è frutto di un'attenta ricerca della storia e tradizione di questi luoghi, valorizzata dal talento di Riccardo Di Giacinto, giovane chef del gruppo dei Jeunes Restaurateurs d'Europe, che ha recentemente ottenuto la prestigiosa stella Michelin. Tutte le sue esperienze convergono nei piatti, nel valorizzare al massimo i meravigliosi frutti messi a disposizione da questa terra unica, riscoprendo i sapori più autentici, esaltati nella loro purezza ed essenzialità per ritornare ad assaporare gusti familiari di terra e di mare, magia e colore. Al suo fianco, l'executive chef Giovanni Davide Ferreri. Anche quest'anno rinnoviamo l'inserimento  di Capofaro nelle "Soste di Ulisse", l'Associazione che riunisce le eccellenze enogastronomiche e di accoglienza della regione.