Almerita Rosè

Da uve Pinot Nero, con la vendemmia 2004, nasce Almerita Rosè, spumante destinato ad affiancare Almerita, lo storico brut di casa Tasca nato nel '90 per volontà del Conte Giuseppe. Almerita Rosè è un brut, millesimée, spumantizzato con metodo classico di rifermentazione in bottiglia, che riposa sui lieviti per 36 mesi. Il risultato è uno spumante di pregio, il colore rosa antico ed il perlage fine e continuo anticipano sentori delicati di frutta rossa e i tratti distintivi di eleganza e freschezza.

 
 
Download
Almerita Rosè
Almerita Rosè
Vitigni:
Pinot Nero.
Denominazione:
Spumante Rosato Sicilia I.G.T.
Zona vitivinicola:
Tenuta Regaleali - Palermo - Sicilia.
Vigneti:
"Collina di San Francesco" Ha 5,00 (1986).
Terreni:
Profondi, argillosi, fini leggermente calcarei.
Altitudine:
500 m. s.l.m.
Esposizione dei vigneti:
Sud/Ovest.
Sistema di allevamento:
Spalliera.
Tipo di potatura:
Doppio Guyot.
Densità di ceppi per ettaro:
4.200.
Resa di uva per ettaro:
62 q.
Epoca di vendemmia:
14 Agosto 2008.
Andamento climatico stagionale:
Inverno mite e asciutto, primavera calda e asciutta; estate fresca e secca. Buone escursioni termiche durante la maturazione dell’uva.
Fermentazione:
Rifermentazione in bottiglia (metodo classico).
Durata della fermentazione:
36 mesi.
Fermentazione Malolattica:
Non svolta.
Degorgement:
23 Luglio 2012.
Dosaggio:
Brut.
Gradazione alcolica:
12,00% Vol.
Dati analitici del vino:
pH 3,33 - AT 6,50 g/l - ZR 7,30 g/l - ET 30,00 g/l.
 
 

Aspetto visivo:

Rosa antico.

Perlage:

Fine e continuo.

Olfatto:

Frutta rossa, fragrante, delicato.

Gusto:

Morbido, piacevolmente fresco, nel complesso armonico equilibrato e persistente.
Anno
Manifestazione
Località
Premio o titolo conferito
Annata
2009
Guida Vini di Sicilia 2009 del Giornale di Sicilia
Palermo
Cinque Stelle e Super Premio Migliore Spumante
2005
Anno
Manifestazione
Località
Premio o titolo conferito
Annata
2007
6° Concorso Enologico Nazionale Spumanti d'Italia
Valdobbiadene
Diploma di Merito
2004
 
 

PINOT NERO

PINOT NERO

È un vitigno che conta numerosissimi sottogruppi clonali, tutti generalmente contraddistinti da una maturazione precoce. Il grappolo ha forma caratteristica di pigna (da cui il nome), semplice o alato, molto serrato. L'acino è di grandezza media, sferoidale, dalla buccia spessa e pruinosa, di colore blu-nero. Per la compattezza dei chicchi risulta molto sensibile alla formazione di muffe. Dà spesso luogo a vini di scarsa saturazione cromatica a causa di un deficit tipico e genetico di sostanze coloranti, ma di eccezionali caratteristiche organolettiche, nei casi migliori, con particolare riguardo alla ricchezza aromatica.