Inzolia

Fra le varietà autoctone l'Inzolia è quella che offre maggiori garanzie organolettiche. Si distingue per la pulizia e la persistenza aromatica. Inoltre essa può maturare in aree relativamente calde senza correre il rischio di una prematura perdita di acidità, fenomeno tipico delle uve a bacca bianca che crescono a queste latitudini. Per Sallier de La Tour l'Inzolia rappresenta il vino più adatto a tutte le occasioni, apprezzabile al meglio entro la seconda estate dalla sua vendemmia.

 
 
Download
Inzolia
Inzolia
Vitigni:
Inzolia.
Denominazione:
Sicilia DOC.
Zona vitivinicola:
Tenuta Pernice - Monreale - Sicilia.
Sistema di allevamento:
Spalliera.
Tipo di potatura:
Guyot.
Densità di ceppi per ettaro:
4.200.
Resa di uva per ettaro:
110 q.
Fermentazione:
Tradizionale in bianco.
Temperatura di fermentazione:
16°C.
Durata della fermentazione:
15 giorni.
Fermentazione Malolattica:
Non svolta.
Affinamento:
In acciaio in presenza delle fecce fini per 4 mesi.
Gradazione alcolica:
11,50% Vol.
Dati analitici del vino:
pH 3,19 - AT 5,30 g/l - ZR 1,60 g/l - ET 18,60 g/l.
 
 

Aspetto visivo:

Colore giallo paglierino.

Olfatto:

Sentori di frutta matura, melone, pesca con note floreali di ginestra.

Gusto:

Asciutto, vegetale con retrogusto fresco e amarognolo.

INZOLIA

INZOLIA

Varietà di uva bianca di notevole importanza regionale seconda soltanto ai Catarratti per estensione coltivata nell'ambito dei vitigni autoctoni. Ha in genere grappolo spargolo, piramidale, alato. Gli acini sono medi o grandi, di forma ellissoidale; la buccia pruinosa di colore grigio-giallo. Il frutto maturo presenta solitamente un alto tenore di zuccheri (19-27%) e una bassa acidità totale (3,2-5,8 per mille). Nota anche come Ansonica.